Docente e Coordinatore: Mirko Pieri

IL CORSO
Un percorso didattico progressivo che partendo dagli elementi più semplici vi porterà alla scoperta di questo meraviglioso strumento attraverso le tecniche, il ritmo, gli stili, la conoscenza e lo studio dei grandi bassisti che hanno rivoluzionato e reso celebre il BASSO ELETTRICO.

PROGRAMMA DIDATTICO
Conoscenza dello strumento, le parti che lo compongono e la loro funzione (corpo, manico, tastiera, pick up, truss rod, ponte, meccaniche).
ACCORDATURA (accordare lo strumento con l’ausilio dell’accordatore elettronico e utilizzando gli armonici naturali).
La tecnica della mano destra e della mano sinistra sono il primo passo per approcciare con lo strumento, quindi, una serie di esercizi di PICKING sulla scala SCALA MAGGIORE, SCALA MINORE e SCALA CROMATICA serviranno all’allievo ad acquisire la tecnica, il suono e la coordinazione tra mano Dx e mano Sx.
La TABLATURA, il PENTAGRAMMA e la CHIAVE DI BASSO sono i metodi utilizzati per la NOTAZIONE del BASSO ELETTRICO, quindi, al fine di far apprendere tali metodi, seguiranno, affiancati agli altri argomenti, alcuni esercizi per la pratica della scrittura. Per facilitare l’apprendimento di questo argomento, da questo momento in poi, di tutti gli esercizi e di tutti i brani studiati durante il corso, l’allievo avrà a disposizione sia la traccia audio con il basso guida registrato che la notazione scritta (Tablatura e pentagramma). Appena l’allievo avrà acquisito la tecnica di base, inizia la parte dedicata alla PRATICA SUI BRANI. Questo tipo di studio servirà all’allievo a capire come utilizzare e mettere in pratica le nozioni di tecnica, teoria e armonia che si acquisiscono durante il corso. I brani proposti, sono di difficoltà progressiva e prendono in esame gli stili ROCK, POP, SOUL, BLUES, FUNK, JAZZ, R&B, REGGAE, BOSSA e serviranno per approfondire tutte le tecniche trattate nel corso (FINGER PICKING, PLETTRO, PALM MUTING, SLAP, TAPPING, STACCATO, VIBRATO, GHOST NOTES, HAMMER ON, PULL OFF, SLIDE). Dopo che l’allievo avrà acquisito una buona tecnica di base, allo studio della tecnica si affianca lo studio dell’armonia. INTERVALLI, TRIADI MAGGIORI e TRIADI MINORI sono i primi argomenti affrontati, successivamente le SCALE PENTATONICHE, la SCALA BLUES, le TRIADI AUMENTATE, le TRIADI DIMINUITE, le TONALITA’, I MODI DELLA SCALA MAGGIORE, l’ARMONIZZAZIONE DELLE SCALE, il GIRO ARMONICO, il TURNAROUND il II° / V° / I° (maggiore e minore), i CROMATISMI, LE CADENZE, GLI ACCORDI, la SCALA MINORE ARMONICA, la SCALA MINORE MELODICA. Un concetto fondamentale che voglio sottolineare è il RISPETTO DEI TEMPI DI ASSIMILAZIONE, infatti, per ogni argomento trattato verranno proposti numerosi ESEMPI, ESERCIZI e BRANI che serviranno a far comprendere e assimilare all’allievo ogni singolo argomento. L’utilizzo di supporti audio “MINUS ONE” (con possibilità di escludere la traccia guida del basso), realizzati e suonati da musicisti professionisti, danno all’allievo la possibilità di esercitarsi a casa avendo un riferimento preciso. Questo sistema oltre a dare all’allievo la sensazione di suonare insieme ad altri musicisti, facilita l’apprendimento e rende lo studio più dinamico e divertente.

ARGOMENTI DI APPROFONDIMENTO DEL CORSO
- APPROFONDIMENTO DI TUTTI GLI ARGOMENTI TRATTATI NEL CORSO BASE
- TEMPI COMPOSTI E TEMPI DISPARI
- STUDIO DEL TIMING
- WALKING BASS
- COSTRUIRE UNA LINEA DI BASSO SU UN BRANO ORIGINALE
- COSTRUIRE UN ASSOLO
- CONCETTO DI IMPROVVISAZIONE
- PRATICA DI IMPROVVISAZIONE
- ANALISI ARMONICA